APPROFONDIMENTI

I SOLARI

II solari rappresentano i cosmetici estivi per eccellenza e non dovrebbero mai mancare in casa nella stagione estiva e soprattutto in nessuna borsa da mare. Le protezioni solari ci aiutano, insieme ad un’esposizione solare consapevole, a proteggere la nostra pelle dalle radiazioni ultraviolette emesse dal sole.

Con il termine "prodotto solare" si intende un qualsiasi preparato, crema, olio, gel, o spray, destinato ad essere posto in contatto con la nostra pelle al fine esclusivo o principale di proteggerla dai raggi UV per rifrazione, assorbimento oppure dispersione. Proprio questi diversi meccanismi di azione rappresentano le principali caratteristiche che rendono i solari diversi tra loro.

E' importante ricordare però, che qualunque sia la loro formulazione o il tipo di filtro utilizzato, tutti i solari presenti sul mercato devono rispettare precisi requisiti di legge e superare una serie di specifici test, al fine di garantire la protezione da raggi UVA e UVB e assicurare che l'SPF dichiarato sia reale.

L'efficacia e la sicurezza dei cosmetici con protezione solare si basa sul tipo, sulla quantità delle molecoel anti.UV contenute. Pertanto sono tnti gli ingredienti, gli accorgimenti formulativi e produttiviche contribuiscono nella realizzazione di un solare efficace e di qualità.

 In altre parole non tutti i solari sono uguali, infatti essi possono agire tramite filtri di tipo chimico o fisico ed avere formulazioni differenti.

 

sotto il sole non siamo tutti uguali...

Con il termine "prodotto solare" si intende un qualsiasi preparato, crema, olio, gel, o spray, destinato ad essere posto in contatto con la nostra pelle al fine esclusivo o principale di proteggerla dai raggi UV per rifrazione, assorbimento oppure dispersione. Proprio questi diversi meccanismi di azione rappresentano le principali caratteristiche che rendono i solari diversi tra loro.

E' importante ricordare però, che qualunque sia la loro formulazione o il tipo di filtro utilizzato, tutti i solari presenti sul mercato devono rispettare precisi requisiti di legge e superare una serie di specifici test, al fine di garantire la protezione da raggi UVA e UVB e assicurare che l'SPF dichiarato sia reale.

L'efficacia e la sicurezza dei cosmetici con protezione solare si basa sul tipo, sulla quantità delle molecoel anti.UV contenute. Pertanto sono tnti gli ingredienti, gli accorgimenti formulativi e produttiviche contribuiscono nella realizzazione di un solare efficace e di qualità.

 In altre parole non tutti i solari sono uguali, infatti essi possono agire tramite filtri di tipo chimico o fisico ed avere formulazioni differenti.

 

filtri fisici: cosa sono e quali scegliere

Le sostanze ad uso cosmetico che consentono la protezione dalla radiazione solare sono regolamentate nell’allegato VI del Regolamento cosmetico 1223/2009 che ne definisce il tipo e la massima concentrazione utilizzabile. Sono formalmente suddivisi in base alla natura e al meccanismo di azione in schermi fisici e filtri chimici: i primi sono ingredienti che, grazie alla loro opacità, oppongono un vero e proprio schermo alle radiazioni UV, attraverso processi di riflessione e di diffusione delle radiazioni nocive.

 

l biossido di titanio (INCI: TITANIUM DIOXIDE) è lo schermante fisico più utilizzato. In pratica sono come degli specchi e ci proteggono dalle radiazioni dannose tramite un meccanismo di riflessione/diffusione. I secondi iinvece sono molecole in grado di assorbire in modo selettivo le radiazioni UV (A e B), assorbono dunque energia che verrà poi rilasciata sotto forma di calore o fluorescenza. , di fatto, aumenta la sensazione di caldo provata sulla pelle. 

I filtri solari chimici hanno il vantaggio di essere più economici, più facilmente lavorabili e di consentire la realizzazione di cosmetici più confortevoli per l’utilizzatore, più leggeri e facilmente spalmabili. Il limite principale di questi filtri chimici è rappresentato proprio dal fatto che possono dare irritazioni, fototossicità e sensibilizzazioni, assorbendo l’energia solare, possono dare il via, infatti, a reazioni fotochimiche e in alcuni casi ad una riduzione dell'efficacia.

I filtri solari chimici sono sicuramente ingredienti critici e oggetto di studio approfondito da parte delle autorità competenti in quanto sembrano essere associabili a danni al sistema endocrino, o di tipo biochimico.

Ad esempio il filtro PABA che è stato a lungo uno dei filtri chimici più utilizzati, dal 2009 è stato vietato proprio perché accertato cancerogeno e fortemente sensibilizzante.

Diverse indagini scentifiche hanno messo in evidenza come in molti prodotti solari siano presenti ingredienti nocivi per la pelle ed inquinanti per l'ambiente.

Questi sono solo alcuni esempi di filtri solari molto utilizzati:

i- Benzophenone, che è stato accertato come distruttore endocrino

 - Octinoxate, un ingrediente persino trovato nel latte materno, con pesanti ricadute sulla salute umana e sull’ambiente

- Octocrylene che in presenza di ossigeno può creare reazioni che potrebbero interferire con la segnalazione cellurare e causare malattie vascolari oltre ad essere dannoso per l'ambiente acquatico

- Dometrizole Trisiloxate sembra essere tossico per l'ambiente acquatico e per l'apparato respiratorio

- Benzophenone-3 la sia concentrazione massima è del 6%, ma si è notato che già a una concentrazione poco superiore allo 0,5% può provocare disturbi a carico del sistema ormonale

- Ethylhexyldmethyl Paba uno dei pochi Paba ancora ammesso. Alcune ricerche avrebbero dimostrato la sua attività estrogenica. Fortemente allergizzante.

Qual'è pertanto il vantaggio dell'utilizzo di un prodotto di protezine solare che contiene solo schermi fisici?

Oggi, a differenza di un tempo, grazie ai numerosi studi effettuati nei laboratori, si è in grado di formulare creme molto fluide e confertevoli con la pelle contenenti solo filtri fisici. I filtri fisici hanno numerosi vantaggi oltre a possedere un profilo tossicologico più sicuro: il rischio di allergie e sesibilizzazione cutanea è minore, sono maggiormente indicati per i soggetti sensibili,a differenza di alcuni filtri chimici vengono sconsigliati in gravidanza o nei bambini,e non possiedo effetti inquinanti sulla flora o sulla fauna.

Ricordiamo anche come sia importante controllare la concentrazione dei profumi presenti nei solari, i quali potrebbero creare problemi con l'esposizione solare. Pertanto sono consigliati solari con bassisime profumazioni, meglio se neutre.

Ecco allora, come una scelta consapevole nell'uso di prodotti solari riduca considerevolmente numerosi rischi garantendo però allo stesso tempo un ottimo livello di efficacia protettiva.

Stampa Stampa | Mappa del sito
BUBBLE&CO.SRL Via Montepenna 10 Parma Piva 02665890345 REA 257196 MAIL:info@bubbleeco.it